venerdì 22 agosto 2014

I Manoscritti di Takenouchi e la storia dell'umanità mai svelata

I manoscritti Takenouchi sono un insieme di documenti misteriosi che sono stati riscritti da un uomo di nome Takenouchino Matori 1.500 anni fa in un misto di caratteri giapponesi e cinesi, trascritto da testi ancora più antichi.

Secondo la leggenda, i documenti originali sono stati scritti in caratteri divini molti millenni fa da degli dei. Gli insoliti testi raccontano la storia dell’ umanità in un modo che non è mai stato detto prima, a partire dall'inizio della creazione fino alla nascita del cristianesimo. 

timbuktu-manuscripts-Takenouchi

Si parla di un'epoca del nostro antico passato dove l'uomo viveva in pace e in armonia, unito sotto il dominio del figlio di un Dio Supremo.

takenouchi-characters

I documenti Takenouchi sono stati custoditi dalla famiglia Takenouchi, discendenti di Takenouchino Matori, figlio del leggendario eroe giapponese Takenouchi no Sukune . Secondo Kiku Yamane nel suo libro "La storia autentica del Mondo Secreted Away in Japan", i manoscritti originali sono stati tramandati di generazione in generazione e cutoditi all’interno del Santuario Kosokotaijingu in Mount Omijin nella prefettura di Toyama .Non è chiaro come Takenouchino Matori ha tradotto il presunto 'linguaggio divino', ma secondo le trascrizioni moderne, i documenti Takenouchi descrivono la storia di tutte le nazioni dell’Era 'Divina'.  Essi parlano di un mondo antico che si è evoluto in quattro differenti periodi di tempo a partire da 300 miliardi di anni fa: 

Sette generazioni di "divinità celesti" nell'era Tenjin, [Ogni generazione ha sotto-generazioni nell’era Tenjin (7 generazioni), 

L'era Joko / Koto composta da 25 generazioni 

La dinastia Fukiaezu composta da 73 generazioni 

La dinastia Kanyamato, che comprende 125 generazioni, a partire dal 660DC e continua fino a oggi. 

In principio, la storia racconta che il mondo era costituito da un mare di fango e che sono occorsi 22 miliardi di anni per formarsi cosi’ come lo conosciamo oggi.Il primo Dio emerse, e i cieli e la terra vennero separati e venne creato il Sole e la Luna mentre a poco a poco, la Terra prendeva forma nel corso di un periodo di 6 generazioni. Nella quinta generazione, gli Dei hanno dato vita al Creatore delle Nazioni, che è disceso al Monte Kurai in Giappone, vestito in un corpo 'brillante'. 

Durante il periodo della settima generazione, vari esseri svilupparono tecnologie compreso il trasporto e la scrittura, il controllo del tempo, la tecnologia agricola e computer. Questa settima generazione ha favorito l'inizio del lignaggio dei piu’ grandi imperatori del mondo a partire da Sumero-Mikoto, una antica parola giapponese. 

I documenti Takenouchi riferiscono che Sumero-Mikoto era considerato come il 'Figlio del Sole', dal momento che è disceso dal dio del sole. I figli del Dio Sole hanno dato inizio a una antica ed elevata dinastia e dopo 8.000 milioni anni, i loro figli e figlie sono stati inviati in tutto il mondo per creare le proprie nazioni. 

Nei documenti Takenouchi, il racconto della creazione umana non segue il sentiero dell'evoluzione.Piuttosto, erano gli Dei quelli che hanno creato gli esseri umani, e i figli degli Dei a loro volta hanno creato cinque tipi di persone di colore (bianco, rosso, blu, giallo e nero) che si sono dispersi su tutta la Terra. Il quel periodo il Giappone era diventato il centro del mondo, da dove gli dei crearono razze che si sono disperse verso l'esterno.

Il Koto era stato il grembo della creazione di un governo mondiale unificato sotto il regno del primo imperatore dio, la Sumera-Mikoto che aveva diviso il mondo in 16 regioni con il Giappone al centro, alla nomina di un re che doveva governare su ogni regione. Il sedicesimo petalo del crisantemo, simboleggia il mondo e le sue 16 regioni. Questo stemma, oggi conosciuto come il Sigillo floreale del crisantemo è ancora oggi utilizzato come il Sigillo Imperiale del Giappone, uno stemma usato dai membri della famiglia imperiale giapponese. Secondo la Costituzione Meiji (1890-1947), a nessuno era permesso di usare il Sigillo Imperiale, tranne all'imperatore del Giappone. 

11 commenti:

  1. " I documenti Takenouchi riferiscono che Sumero-Mikoto era considerato come il 'Figlio del Sole', dal momento che è disceso dal dio del sole. I figli del Dio Sole.... "
    ehi! CI SAREBBE IL TRASCURABILE PROBLEMA CHE NON ESISTE E NON è MAI ESISTITO UN DIO DEL SOLE GIAPPONESE, Nè NELLE ERE ARCAICHE CHE IN QUELLE ANTICHE., dato che sia nei culti sciamanici protonipponici che successivamente il sole, come in moltissime altre culture asiatiche e non, ha una connotazione FEMMINILE.E questo, se già non bastasse il fatto che questi fantasiosi manoscitti sono già stati sbufalati in patria tempo fa, dovrebbe far capire che si tratta di boiate.. M.M.

    RispondiElimina
  2. Per chi volesse saperne di più e volesse approfondire il tema dei documenti Takenouchi segnalo questo siti

    http://edmundkiss-zama.blogspot.it/2009/08/i-documenti-takenuchi.html

    http://www.takenouchi-documents.com

    Consiglio inoltre la lettura del libro "The Sacred Science of Ancient Japan: Lost Chronicles of the Age of the Gods" di Avery Morrow

    Credo che la lettura del testo in lingua originale sia sempre la miglior cosa, evitando quindi gli errori di traduzione che la revisione del testo implica nella preparazione delle edizioni italiane.

    Mi rendo conto peraltro che il giapponese non è alla portata di tutti, me compreso...

    Relativamente invece alle notizie riportate da "Anonimo" riguardo la "sbufalata" dei testi in patria può gentilmente circoscrivere il caso?

    Sarebbe utile per ulteriori ricerche e verifiche...

    RispondiElimina
  3. Ulteriori fonti utili:

    Sebastian Koga, “The Takenouchi Documents “- DVD – International Ufo Congress 1998.

    - Wado Kosaka. “ Takeuchi Document “, pubblicato in lingua giapponese nel 1995.

    Mikoto Masahilo Nakazono : “ The source of the present Civilization “, Kototama Books, USA, 2005. (www.kototamabooks.com)

    Per altri approfondimenti sul Giappone mitologico:

    Nahum Stiskin , “ Lo specchio Divino “,Ubaldini, Roma, 1972.

    Michio Kushi , “ Mondi Dimenticati “, Mediterranee, Roma, 1993.

    Satori Beante, “ Shintoismo “, Rizzoli, Milano, 1997.

    AA.VV , “C’era una volta in Giappone “, Massetti Rodella Editori, Brescia, 2003.

    RispondiElimina
  4. Testi talmente vecchi da dichiarare che Gesù fosse un Ninja?
    http://www.disclose.tv/forum/was-jesus-a-ninja-old-documents-tell-of-a-jesus-living-and-t53803.html

    http://www.absurdityisnothing.net/2012/01/documenti-nipponici-affermano-che-gesu-cristo-mori-in-giappone-alleta-di-106-anni/

    Qualcosa nella cronologia delle boiate non torna XD E ripeto: chiunque parli di un Dio del Sole (Maschio)in Giappone ha un cartello luminoso con su scritto "Cazzata"..Inoltre, nessuno dei link da te ficcati sotto in tutta fretta dimostra nulla, ma rimanda sempre alla stessa pagina autoreferenziale. Buffoni!

    M.M.

    RispondiElimina
  5. Giusto fare notare anche le cose contrarie alla nostra tesi, ma penso che cortesia, educazione e rispetto dovrebbero essere sempre dovute. Saluti

    RispondiElimina
  6. Educazione e rispetto prima di tutto per l'intelligenza altrui.
    Cortesia nel tenere conto delle osservazioni di un utente anziche' far finta di niente. M.M.

    RispondiElimina
  7. "Nostre tesi"? Addirittura il plurale onorifico? E di quali "Tesi" parli? Sai cos'e' una tesi? Mi sa di no. Sei un insulto a chiunque faccia un ragionamento in qualsiasi ambito. Pure le conferenze t'hanno fatto fare...E tu a parlare di Manga in mezzo alla genetica ibridativa. Si vede che hai lo stesso grado di fruizione per entrambi. E ora dimostrami la veridicita' di questa specifica tesi. Mettici qualcosa di tuo.Trova uno scampolo di coerenza in questi "antichissimi" documenti giapponesi.

    RispondiElimina
  8. Sono conoscenze comuni anche negli scritti veda, come puoi trovare menzione anche su alcuni libri di tema esoterico. Appartengono ad un oscuro passato ed è difficile trovare un origine. Sono convinto comunque che il protagonista di questo articolo, abbia fatto sua una e del suo paese (Giappone) una tradizione che, molto probabilmente é oroginaria di paesi medio orientali. Sumero-Mikoto la dice lunga.

    G.G.

    RispondiElimina
  9. Signor G.G. la ringrazio per il suo commento. E' infatti molto probabile a mio avviso che l'autore dei manoscritti Takenouchi (chiunque esso sia) abbia rielaborato un antico sapere mesopotamico per introdurre tematiche esoteriche nell'ambito della cultura giapponese. D'altronde il sincretismo è stato un fenomeno comune anche nell'europa cristiana le cui tradizioni si sono fuse con quella pagana.

    RispondiElimina
  10. Signor Paolo, comunque ogni frammento se pur probabilmente contaminato è importante per l'individuo e la sua ricerca. Personalmente non avevo mai sentito di questo manoscritto nipponico, ma i dettagli annessi mi hanno sorpreso, le date riportate e i periodi dinastici potrebbero corrispondere con i periodi vedici (vedi Kali Yuga) quindi appartenere alla medesima tradizione anche se "personalizzate" nei nomi. A tal proposito intensificherò la mia ricerca perché credo possa aggiungere informazioni. Curioso invece la questione delle razze umane dove mi piacerebbe approfondire in merito.
    Sig. Paolo in conclusione la ringrazio per il lavoro che svolge anche se a volte è abbastanza sintetico (non credo lei sia un ricercatore pagato, quindi comprensibile) è pur sempre un punto di partenza, a mio avviso molto valido soprattutto perché tratta temi esoterici iniziatici.
    Saluti

    G.G.

    RispondiElimina
  11. La Verità è come un mosaico, che va ricomposto con pazienza e tenacia e senza avere il timore di percorrere anche strade sbagliate, ma con l'umiltà si saper tornare sui propri passi quando ci si trova davanti a un vicolo cieco.

    Crede bene, non sono un ricercatore pagato, non ci sono più banner pubblicitari sul sito e tutto il materiale (articoli, conferenze etc.etc.) è a disposizione gratuitamente. Lo faccio principalmente per passione, per voglia di conoscere e condividere un percorso, nella speranza che anche altri possano approcciarsi a questi temi con il medesimo vigore.

    L'unica cosa che ho dovuto prevedere a pagamento è il libro, ma esclusivamente per ovvie esigenze editoriali.

    Non esiti infine, qualora trovasse riscontri o smentite su questo particolare tema dei manoscritti Takenouchi, a condividere le sue conclusioni in questo spazio.

    Di questo la ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina

Ti potrebbero interessare anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...