sabato 12 luglio 2014

Il Culto di Saturno (Seth, Enki, Cronos, Satana)

Vedo una porta rossa e la voglio dipingere di nero, senza altri colori, voglio che diventi nera. Non più il mio mare verde che muta in un blu profondo... voglio che diventi nero. (Paint it Black - Rolling Stones)

Intro.

Con il culto del Sole e della Luna quello di Saturno è il più antico dei culti, così radicato nelle tradizioni umane che secondo molte fonti in realtà non sarebbe mai scomparso, ed i suoi rituali continuerebbero a essere perpetrati anche ai nostri giorni, in forma più o meno esplicita. 

Saturno, detto anche Seth nella antica religione egizia, El in quella semitica e Signore degli Anelli nei miti celtici, sembra sia il motivo per cui ancora oggi per suggellare uno sposalizio si usi scambiarsi le fedi nuziali, oppure raffigurare un anello (o un disco, se ci si riferisca al Sole) dietro le immagini dei santi e delle persone pie o dietro le antiche croci celtiche. E' inoltre dal culto di Saturno che discendono secolari costumi sociali come quello di 'festeggiare' al sabato sera, ossia il sesto giorno della settimana (dedicato a Saturno), per poi 'riposare' al settimo.


Saturno nelle civiltà antiche.

"Nella antica Sumeria Saturno veniva chiamato kayamanu, che significa: il lento. In accadico, invece, lo si chiamava Ninurta. Sembra tuttavia che Ninurta fosse piu spesso assimilato ai principi e alle qualità di Nabu (Mercurio), che i Mesopotamici soprannominavano shihtu, cioe “colui che si alza”. 

Nella civiltà ellenica era raffigurato sotto forma di SATiro (creatura per metà umana e metà caprina); da cui il successivo accostamento del signore dell'oscurità, SATana, al culto ed all'immagine del dio Pan.

"(Pan) è un simbolo di Saturno perché questo pianeta è il governatore del segno del Capricorno, il quale emblema è un capro." (Manly P. Hall - Insegnamenti Segreti di Tutti i Tempi.)

Per cui Pan fu raffigurato con le corna dal momento che rappresentava Saturno, governatore della casa del Capricorno il cui simbolo è un capro." 

"Nel Medioevo Pan ed i suoi aspetti vennero demonizzati dal Cristianesimo, tanto che nei secoli successivi il diavolo nella cultura occidentale assunse progressivamente i tratti iconografici di questa antica divinità: corna, zampe caprine, barba a punta." 

"Nello antico Egitto la dualità Horus (visto come il sole che sorge) - Seth (il sole che tramonta) era fra le più diffuse. Gli indizi ci fanno ragionevolmente ritenere che Mosè fosse un sacerdote di Seth, dissidente alla autorità rappresentata dagli altri sacerdoti: che anticamente la stirpe di Mosè adorasse Seth lo si può evincere tuttora dallo abito talare nero giunto intatto sino ad oggi fra i preti del monoteismo. Infatti, mentre le fraternità solari come gli esseni ed i nazareni indossavano il bianco, i sacerdoti di Set/Seth/Saturno/Sata indossavano tuniche nere; da qui, il vestito nero dei chierici cattolici, ebraici e mussulmani odierni” 

In epoca romana Saturno era il titano del Tempo (Cronos, dal cui nome deriva il sostantivo Corona, riferito al copricapo reale), della Terra e della Materia. Era anche detto la 'divina sentenza della prima ora', corrispondente alla giornata del sabato e raffigurato anche in modo simile alla tradizionale icona popolare della morte: un vecchio avvolto in un sudario nero, cinto da catene tintinnanti e con una falce stretta tra le mani. I Romani celebravano Cronos durante la festa dei Saturnalia, che si tenevano al solstizio invernale.

"Saturno era celebrato il giorno in cui nasceva il sole del nuovo anno, cioè a Natale: in questa grande festa chiamata Saturnalia si propiziavano periodi prosperi e abbondanti in cui non fosse necessario lavorare la terra. Perciò durante la ricorrenza uno schiavo veniva vestito da re per un giorno (situazione simile a quella narrata nel film natalizio per eccellenza: Una Poltrona per Due - n.d.r.), e gli venivano dati frutti e cibo." 

"Il culto di Saturno è una chiave importante per capire quanto lontana e antica sia tale cospirazione. Roma era nota come Saturnia o Città di Saturno (l'attuale nome della Città Eterna è un termine bifronte: la parola Roma è infatti il contrario della parola latina 'amor', cioè 'amore' - n.d.r.). La Chiesa romana conserva gran parte del culto di Saturno nei propri rituali." (Fritz Springmeier,  Bloodlines of Illuminati.)

Per completezza d'informazione bisogna  dire che la Chiesa romana cattolica - così come quella ebraica e mussulmana - sembra conservi nella propria tradizione non solo frammenti del culto di Saturno, ma anche di quello del Sole, della Luna e di altre divinità precristiane.


Il Dio Cubo

Alcune fonti asseriscono che nelle antiche civiltà semitiche e mussulmane Saturno corrispondesse alla divinità El e fosse raffigurato sotto forma di un gigantesco cubo nero. Nelle tradizioni misteriche di ogni epoca il cubo è il simbolo della materia, opposto alla sfera, che rappresenta lo spirito.

E' possibile rinvenire rappresentazioni del cubo nero un po' ovunque nel mondo. Nella iconografia ebraica e mussulmana vi è un enorme cubo nero denominato Kabba alla Mecca. Il termine Kabbalah riferito allo esoterismo e misticismo ebraico e massonico deriverebbe dalla espressione KabbaAllah o 'Cubo Dio.'

Anche la 'meditation room' allestita all'interno della Sede delle Nazioni Unite (ONU) è stata dotata di una scultura cubica (terza foto in alto). Non stupisce inoltre che davanti la sede dello Apple Store di New York campeggi una enorme statua del cubo nero


Cubo, Esagono, Occhio Onniveggente.

Secondo le fonti esaminate gli esagoni raffigurerebbero Saturno, Seth, in quanto decostruzioni della figura del cubo.


Sottraendo la tridimensionalità alla rappresentazione di un cubo, infatti, si ottiene una forma geometrica a sei lati, cioè un esagono. Di converso applicando la terza dimensione ad un esagono si ottiene come risultato il cubo. 6 lati monodimensionali 'proiettati' nella terza dimensione.

In base a queste e altre speculazioni cabalistiche più o meno convincenti (6° giorno della settimana, 6° pianeta del sistema solare, figura a 6 lati) qualcuno ha ipotizzato che il 666, leggendario numero 'della bestia', che nella Apocalisse di Giovanni (13,16-18) corrisponde al nome della bestia devastatrice, e in due passi del Vecchio Testamento alla somma dei proventi in oro percepiti in tasse dal re Salomone (Re 10,13:16 - Cronache 9,13:14) sia in effetti il simbolo numerico del dio della materia e del tempo, cioè Saturno.

Circa 30 anni fa la connessione tra il pianeta Saturno e la figura geometrica dello esagono fu avallata da una constatazione oggettiva stupefacente. Negli anni '80 due sonde del Programma Voyager fotografarono una struttura esagonale presente nei pressi del polo nord di Saturno, rilevata in seguito anche dalla sonda Cassini. Non si conoscono ancora le cause della presenza di tale forma geometrica regolare, ma sembra che non esistano collegamenti con la radio-emissione di Saturno e la sua attività delle aurore polari." 


E' possibile che già 5000 anni fa l'umanità - o una parte di essa - fosse a conoscenza di tale inconfondibile tratto morfologico del pianeta Saturno, al punto di rappresentarlo sotto forma di esagono, e di elaborarlo fino a trarne il simbolo del dio cubo? Qui le possibilità sono 4: o c'è sotto una mistificazione, o questa coincidenza è ascrivibile ad una incredibile casualità, o l'umanità avrebbe appreso la nozione da una intelligenza non terrestre, oppure in un remoto passato sulla Terra sarebbero esistiti i mezzi tecnologici per 'catturare' immagini di Saturno, proprio come oggi pare stia facendo la NASA.

Se una delle due ultime possibilità fosse fondata, proviamo a immaginare quale altra immagine del pianeta Saturno sarebbe potuta rimanere impressa nello immaginario mistico ed esoterico sotto forma di simbolo. Potrebbe trattarsi di una immagine come quella che segue?


O di una immagine più distante, come la seguente:


Ma ... un momento. Questa immagine non vi ricorda un simbolo di cui negli ultimi anni si è scritto e letto a dismisura? Il simbolo degli Illuminati (spesso presente anche nel simbolismo gesuita): l'occhio che tutto vede dalla cima (disgiunta) della piramide egizio-massonica? Si tende a farlo coincidere con l'antico simbolo egizio di una divinità positiva: l'occhio di Horus, oppure occhio di Ra (v. correlati). Tuttavia l'occhio raffigurato in cima alla piramide massonica - e sulla celebre banconota da un dollaro - non assomiglia molto alle tradizionali raffigurazioni egizie dell'occhio di Horus. Quest'ultimo non ha la palpebra ed è contornato da una serie di effigi molto tipiche. Non c'è dubbio che abbiamo a che fare con un occhio, ma siamo proprio sicuri che appartenga ad Horus, divinità solare positiva?


E non vi ricorda anche un'altra icona della cultura pop contemporanea?


Saturno è Satana?

"Saturno è stato anche associato a Satana per svariate ragioni. Prima di tutte, molti autori, affermano che la parola Satana sia un derivato della parola Saturno. La seconda che Saturno è associato al colore nero come Satana. Terza, gli antichi consideravano che Saturno fosse il più lontano dei pianeti dal sole, quest'ultimo associato col principio di Bene. (Da notarsi che Plutone non fu mai considerato un pianeta). Di conseguenza Saturno è il corpo celeste che è meno esposto alla luce divina del Sole e quindi associato alla freddezza del principio del Male. Infine, il grande dio Pan, divinità dalle corna, rappresentava Saturno nello antico paganesimo. La creatura mezzo uomo e mezzo capro è considerato l'antenato delle nostre raffigurazioni di Satana." 

"In ebraico il nome Satan o Shaitan significa 'avversario.' Nessun riferimento dunque a una entità incarnante il male assoluto. I concetti dualistici di bene e male assoluti non ebbero origine con il Cristianesimo ma risalgono a molto tempo prima, particolarmente allo Zoroastrismo. Satana è un adattamento di Ahriman, fratello gemello del Dio supremo persiano, equivale al dio egizio Seth, gemello di Horus e suo nemico principale, noto anche come Sata, da cui deriva Satan. Horus lotta con Seth allo stesso modo in cui Gesù lo fa con Satana. Questo mito rappresenta il trionfo della luce sulle tenebre, o il ritorno del sole per levare il terrore della notte. Horus / Seth era il dio dei due orizzonti; quindi, Horus era il sole sorgente, e Seth il sole morente." 

Madame Blavatsky nel Secondo volume della Isde Svelata asserisce che Horus / El, la divinità solare degli antichi siriani, degli egizi e dei semiti, insieme a Saturno / Seth sarebbero in realtà due differenti aspetti della medesima divinità solare. Fonte Anche in questa ottica - dunque - Saturno è considerato come 'il lato oscuro del Sole', il lato negativo del dio che eclissandosi ogni notte consente l'arrivo delle 'tenebre', dei 'pericoli' e della 'paura.' Quindi secondo la Blavatsky il dio El coincide con Horus, la somma divinità solare.


Tuttavia alcuni ricercatori come Jordan Maxwell e Michael Tsarion non la pensano allo stesso modo, e sono convinti che il nome El non corrisponda ad Horus (o Ra), bensì a Seth.

"L'antico nome di Saturno era, come detto, EL. E' la ragione per cui i prescelti da EL sono chiamati ELite."
Michael Tsarion, Astroteologia e Mitologia Siderale


Se quanto asserito da Tsarion e Maxwell fosse fondato, se cioè El fosse il nome semitico del dio Seth o della 'metà oscura' del dio Horus, se ne dedurrebbe che la religione di cui narrano l'Antico Testamento ed i VangELi, il racconto popolato dagli ELhoim, i messaggeri di dio, da ArcangELi all'interno dei cui nomi si riscontra la presenza del dio: GabriELe, MichELe, RaffaELe, ecc, sia votato al culto di una divinità molto diversa da quella descritta nei testi di catechismo.

Di primo acchito risulterebbe assai più plausibile e rassicurante la versione della Blavatsky secondo cui il termine El sia semplicemente il secondo nome di Horus o perfino un nome alternativo, comune, per indicare una generica figura divina, e non abbia a che fare con Seth, né tanto meno con le forze ed i principi ad esso associati. I dubbi tuttavia persistono se si riflette sul nome Israel, secondo molte fonti derivante dalla fusione dei nomi delle somme divinità egizie ISide (la Luna), RA (il Sole) ed EL (Saturno). Ipotizzando che questa congettura sia fondata, il fatto che si siano utilizzati contemporaneamente il nome Ra e il nome El proverebbe che le due entità sono considerate a tutti gli effetti come forze distinte, non importa se espressioni della medesima divinità. Il che non fa che alimentare i sospetti sollevati da Tsarion e Maxwell, cioè che il nome El non si riferisca alla divinità solare. Ulteriore spunto di riflessione il fatto che la principale ricorrenza cattolica, il Natale, coinciderebbe cronologicamente proprio con gli antichi Saturnalia.

In definitiva sembra abbastanza certo che Seth e Saturno corrispondano allo attuale Satana. Mentre rimane aperta la questione se il nome El si riferisca anch'esso a Saturno, oppure sia un nome comune, o si riferisca alla divinità suprema positiva (Ra), ed in tal caso se voglia esprimere la polarità negativa di una dualità.

Il nome Israel - ad ogni modo - contenendo anche i nomi di Iside e di Ra può essere interpretato come una sorta di 'sintesi' che celebra l'intero supremo pantheon egizio senza distinguere tra divinità positive o negative. Qualcosa di simile al concetto rappresentato dal Tao, dalla scacchiera massonica (v. correlati) e dalla stella a sei punte.


Esagramma.


Dovrebbe essere questo il senso dello esagramma, o Stella di David, o Sigillo di Salomone che alcuni truth teller collegano al pentagramma rovesciato e allo esagono saturniano. Esso non sembra avere alcun collegamento con Saturno e il satanismo, ad eccezione del fatto che contiene un esagono, elemento variamente interpretabile. E' ormai associato allo stato di Israele, tuttavia si riscontra nella architettura e iconografia di tutte le grandi religioni: ebraica, cattolica, induista, buddhista, islamica.

"E' da datarsi anteriormente all'utilizzo degli ebrei. (...) E' un antico segno trovato inciso su templi indiani risalenti a migliaia di anni fa. Era il simbolo del Nara-Narayana, o il perfetto stato meditativo dello equilibrio tra l'Uomo e Dio che se mantenuto avrebbe portato nel Moksha, o Nirvana (liberazione dai limiti del mondo terreno e dalle relative trappole materialistiche)." Fonte

"Esprime l’unione di cielo e terra, del mondo spirituale con il mondo materiale. E’ formato da due triangoli equilateri incrociati ed a volte inscritti in un cerchio. Il triangolo con il vertice verso il basso rappresenta i due elementi pesanti, acqua e terra, il cui principio corporeo li fa tendere verso il basso, mentre il triangolo con il vertice in alto rappresenta i due elementi leggeri e spirituali, aria e fuoco." (link)

Sicché l'esagramma tutto può essere, fuorché un simbolo 'polare.' Altro discorso riguarda invece l'abuso di un simbolo di portata universale da parte di gruppi o lobby che perseguono interessi particolari; la sua strumentalizzazione e monopolizzazione.


Saturno nella cultura popolare.

Stanley Kubrick per raffigurare la 'singolarità' che nella preistoria suscitò l'evoluzione degli ominidi, nel cult movie 2001 Odissea nello Spazio si servì della 'caduta' dal cielo di un monolite nero.


Le titaniche creature immortali descritte nelle opere di Lovecraft contrapposte ai Grandi Antichi (Big Ancients) erano gli ELder Gods (v. correlati). La parola elder in lingua inglese significa antico, atavico.

SAuron, entità che si manifesta come un eterico occhio onniveggente, e che con i suoi sottoposti si oppone alla distruzione dell'anello del potere, nella storia Il Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien, è l'ennesima rappresentazione di Saturno, e la vicenda è una allegoria sugli effetti inaridenti e autodistruttivi del potere, governato dal nero signore della materia. Durante l'avventura la nemesi di Sauron - il mago 'buono' Gandalf il Grigio - muore e risorge sotto forma di Gandalf il Bianco, avatar della divinità solare positiva che come da copione torna per rinnovare la vittoria della luce sulle tenebre.

Secondo alcune fonti, tra cui Jordan Maxwell, coloro che raggiungano il più elevato livello di indottrinamento attraverso il conferimento del diploma di laurea, indossando il pileo (berretto del laureato) e vestendo di nero, starebbero in realtà omaggiando Saturno, il dio Cubo. 


Saturno nella musica pop.

Negli anni '70 Alan Parsons, compositore e rocker londinese, collaborò con i Pink Floyd nella scrittura dei due album Atom Heart Mother e The Dark Side of the Moon. La produzione di Parsons è intrisa di simbolismo esoterico ed allegorie. Nelle sue canzoni si ispira alle opere di E. A. Poe, all'antico Egitto e - nel 1982 - compone un pezzo dal titolo Eye in the Sky.

Ecco il testo del ritornello:

I am the eye in the sky
Looking at you
I can read your mind
I am the maker of rules
Dealing with fools
I can cheat you blind
And I don't need to see any more
To know that
I can read your mind, I can read your mind.

Io sono l'occhio nel cielo
Che ti guarda
Posso leggere nella tua mente
Sono il creatore delle regole
E tratto con gli stolti
Posso renderti cieco
E non ho bisogno di vedere altro
Per sapere che
Posso leggere nella tua mente

Ancora una volta: un simile tono è attribuibile ad una divinità solare positiva?

Si era accennato anche ai Pink Floyd (tra i miei gruppi preferiti) in quanto si intuiscono dei riferimenti a Saturno nel seguente estratto da un concerto, in cui il simbolismo risalta sia nella scenografia che nel testo del pezzo Learning to Fly. Ascoltante le parole. E' possibile che i 'cerchi nel cielo' dai quali il 'narratore' non può distogliere gli occhi (primo ritornello) e la mente (secondo ritornello) siano gli anelli di Saturno?

Tra le canzoni pop apertamente dedicate a Saturno troviamo Saturn di John Coltrane, Saturn di Stevie Wonder, Saturn Research di Sun Ra e South Saturn Delta di Jimi Hendrix.

Concludendo.

In una realtà fatta di carne, sangue e istinti auto-conservativi non è difficile lasciarsi irretire dalle forze dominanti della materia e del tempo. E' una cosa umana e terrena. Specie negli ultimi anni, in cui purtroppo l'unico tangibile 'balzo evolutivo' è stato quello fatto dalle forze saturniane grazie allo sviluppo scientifico e tecnologico. 

Credo però che allo stesso tempo esistano altre forze uguali e contrarie, inavvertibili dai nostri cinque sensi in quanto di polarità opposta rispetto al tempo e alla materia, ma intuibili da chi - nonostante tutto - sia riuscito a sviluppare un buon rapporto con la propria spiritualità. Quaggiù non avremo mai la prova materiale della loro esistenza; sarebbe un controsenso. A proposito, vi ricorda niente la parola inglese hell (inferno) contraddistinta dalla afonia della 'H' e della seconda 'L'?

2 commenti:

  1. Ho avuto modo caro Paolo di farti i miei complimenti altrove e se questi sono stati recepiti, penso, per quel doveroso senso di amicizia che lega chi di queste tematiche si interessa a fondo, di doverti render noto che l'impostazione "strutturale" dei tuoi articoli pur così esaustivi, abbisognerebbe a mio modo di vedere di una...riduzione, nel senso che chi per le prime volte varca la soglia di queste fenomenologie,e capita nel tuo ottimo sito, vorrebbe NON articoli così relazionati a fondo, ma piuttosto riassuntivi, più concisi insomma. Lo dico a ragion veduta, naturalmente NON per me che apprezzo i particolari, ma per quanto sopra detto.

    Fa malinconia un lavoro ben fatto (quasi sempre) che viene pochissimo commentato e non si avvale di un seguito meno...esangue di questo. Mi permetterai per concludere che forse anche il fondo nero e i colori scuri abbondano troppo, dai luce, apri le finestre. Tutto questo mio...ardire solo per dire che un buon lavoro come il tuo andrebbe maggiormente seguito ed apprezzato. Sinceri auguroni dunque di un futuro più degno per gli sforzi profusi. Ciao
    Malles

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio di cuore per questi sinceri complimenti. Pur comprendendo e apprezzando la costruttiva critica, ritengo che certi argomenti non possano essere trattati in modo estremamente semplicistico.

    Altrettanto comprendo che chi si approccia per le prime volte a questi temi preferirebbe altro tipo di contenuti, ma garantisco a tutti i visitatori che navigando all'interno del portale si può accedere anche ad articoli di più facile lettura per chi "mastica" per la prima volte queste tematiche.

    Il cammino di ricerca può partire da qualsiasi punto.. Quello che offriamo qui sono i tanti tasselli che compongono quello che chiamiamo "Il mosaico della Verità"... alcune parti sono di facile lettura, altri più ostici.

    Suggerisco per i "neofiti" la lettura dei powerpoint a disposizione nella sezione download o degli articoli che troviamo sulla sinistra.

    Riguardo lo sfondo... Beh... stavo appunto valutando l'idea di approfittare della pausa estiva per un restyiling del portale, ma non ho ancora deciso.

    Grazie ancora!

    RispondiElimina

Ti potrebbero interessare anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...