martedì 5 febbraio 2013

La Fabbrica degli Schiavi

Le terribili immagini portate all’attenzione del mondo con l’apertura dei campi di concentramento nazisti durante la seconda guerra mondiale, oltre ai tragici numeri relativi all’Olocausto di milioni di ebrei e altre minoranze, conservano tra i loro orrori anche gli indicibili esperimenti medici perpetrati dai medici nazisti sulle cavie umane che la ‘soluzione finale’ consegnava loro.

Ma mentre la denuncia e la condanna dei crimini di guerra legati allo sterminio degli ebrei sono stati negli anni mantenuti nella memoria collettiva anche attraverso opere cinematografiche di un certo rilievo, le oscure vicende legate agli esperimenti scientifici e ai risultati conseguiti passarono, forse volutamente, in secondo piano.

Durante la Seconda guerra mondiale, in alcuni campi di concentramento nazisti, venne effettuata sperimentazione umana usando come cavie i deportati. Tali esperimenti sono stati ritenuti crudeli, al pari di quelli operati nello stesso periodo dall'Unità 731 dell'esercito giapponese, e per questo medici e amministratori coinvolti furono condannati per crimini contro l'umanità in alcuni processi secondari di Norimberga. I fini dichiarati erano in molti casi quello di verificare la resistenza umana in condizioni estreme o di sperimentare dei vaccini, ma in alcuni casi i fini non sono riconducibili ad altro che alla perversione del personale medico.

Si registrarono casi di esperimenti di decompressione per il salvataggio da grande altezza, esperimenti di congelamento/raffreddamento prolungato, esperimenti di sterilizzazione e le ricerche sui gemelli monozigotici; Gli esperimenti erano condotti da Josef Mengele, ad Auschwitz e Birkenau. Le ricerche partivano da misurazioni meticolose e assolutamente precise di comparazione fra i gemelli (che erano di ogni nazionalità, ma soprattutto ungheresi, senza distinzione di sesso, età o altro dato genetico se non l’essere gemelli). Dopo aver misurato e indagato ogni singolo centimetro del corpo dei gemelli, appurate le eventuali differenze fra fratelli, i soggetti venivano addormentati con un’iniezione di Evipan sul braccio e poi uccisi con un’iniezione di cloroformio fatta personalmente da Mengele direttamente nel cuore. I corpi venivano a questo punto sezionati e studiati dall’interno. Pare che il 15% dei gemelli esaminati sia stato ucciso in questo modo o durante qualche operazione chirurgica.

Josef Mengele (Günzburg, 16 marzo 1911 – Bertioga, 7 febbraio 1979) è stato un medico nazista ed ufficiale delle SS tedesco. Laureato in antropologia all'Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera e in medicina alla Johann Wolfgang Goethe-Universität di Francoforte, è tristemente noto per i crudeli esperimenti medici e di eugenetica che svolse, usando come cavie umane i deportati, anche bambini, del campo di concentramento di Auschwitz.
Josef Mengele nel 1935 a sinistra e in una foto segnaletica del 1956 a destra

Il nome di Mengele, sopravvissuto alla cattura e al processo di Norimberga grazie alla sua fuga in Sud America, è associato anche a una serie di ancora più oscuri esperimenti, passati alla cronaca come Progetto Monarch, ovvero la ricerca sul controllo e sulla programmazione mentale.

Gran parte di essa è stata confiscata dagli Alleati ed è ancora classificata ai nostri giorni.

C’è infatti chi sostiene che la sua fuga sia stata organizzata da parte dei servizi segreti americani in combutta con alcuni segmenti dell’alta gerarchia nazista come ramo parallelo dell’Operazione Paperclip, la stessa operazione che portò Werner Von Braun alla NASA e gli USA sulla Luna. Questo al fine di entrare in possesso della documentazione e dei risultati delle ricerche del Mengele relativamente alla programmazione mentale. Sempre secondo questi infatti le ricerche di Mengele servirono come base per l’illegale e segreto programma di ricerca CIA chiamato MK-ULTRA.

”Il miglior programmatore, si potrebbe forse conferire lui il titolo di padre della programmazione Monarch, un ex-medico del campo di concentramento nazista. Migliaia di schiavi Monarch controllati mentalmente negli Stati Uniti avevano il “Dr. Green” (pseudonimo di Mengele) come loro programmatore capo “

”Il Dr. Joseph Mengele, conosciuto ad Auschwitz, fu il principale promotore del Progetto Monarch, basato sul trauma, e dei programmi MkUltra della CIA. Mengele e circa 5000 altri nazisti di alto rango sono stati segretamente trasferiti negli Stati Uniti e nel Sud America all’indomani della seconda guerra mondiale in una Operazione progettata dalla Paperclip. I nazisti hanno continuato la loro opera nello sviluppo di tecnologie di controllo mentale e missilistica in segreto nelle basi sotterranee militari. L’unica cosa che c’è stata detta era che il lavoro di progettazione missilistica era portato avanti in collaborazione con l’ex celebrità nazista Warner Von Braun. Gli assassini, i torturatori, i mutilatori che hanno spezzato migliaia di vite sono stati discretamente tenuti da parte, occupando comunque le basi sotterranee militari degli Stati Uniti che a poco a poco sono diventate la dimora di migliaia e migliaia di bambini americani rapiti dalle strade (circa un milione l’anno) e messi in gabbie di ferro impilate dal pavimento al soffitto come parte della “rieducazione”. Questi bambini sarebbero stati utilizzati per affinare e perfezionare ulteriormente le tecnologie sul controllo mentale di Mengele. Alcuni bambini selezionati (almeno quelli che sopravvivevano alla ‘rieducazione’), sarebbero diventati gli schiavi controllati mentalmente del futuro che sarebbero poi stati utilizzati in migliaia di lavori diversi che vanno dalla schiavitù sessuale agli omicidi. Una parte consistente di questi bambini, che erano considerati materiali di consumo, sono stati abbattuti intenzionalmente di fronte (e da) altri bambini, al fine di traumatizzare il tirocinante selezionato in totale rispetto e sottomissione.”

Il progetto MKULTRA (conosciuto anche come MK-ULTRA) si riferisce ad una serie di attività svolte dalla CIA tra gli anni cinquanta e sessanta che aveva come scopo quello di influenzare e controllare il comportamento di determinate persone (cosiddetto controllo mentale). Il progetto non è mai stato reso ufficialmente pubblico dalla CIA, ma vi sono varie testimonianze dirette che riferiscono di esperimenti condotti da personale dell’intelligence. Tali esperimenti prevedevano la somministrazione dell’ipnosi, sieri della verità, messaggi subliminali, LSD ed altri tipi di violenze psicologiche su cavie umane.

Si suppone che uno degli scopi del progetto fosse quello di modificare il livello di percezione della realtà di alcune persone, costringendole a compiere atti senza rendersene conto; una delle ipotesi vuole che la CIA fosse interessata alla possibilità di creare degli assassini inconsapevoli.

Nel 1977, grazie alla legge sulla libertà di informazione, furono derubricati alcuni documenti che testimoniavano la partecipazione diretta della CIA al programma MKULTRA.

Il progetto fu portato all’attenzione dell’opinione pubblica per la prima volta dal Congresso degli Stati Uniti e da una commissione chiamata Rockfeller Commission. Tale commissione pubblicò un documento che recitava:

«Il direttore della CIA ha rivelato che oltre 30 tra università e altre istituzioni sono coinvolte in un programma intensivo di test che prevede l’uso di droghe su cittadini non consenzienti appartenenti a tutti i livelli sociali, alti e bassi, nativi americani e stranieri. Molti di questi test prevedono la somministrazione di LSD. Almeno una morte, quella del Dr. Olson, è attribuibile a queste attività»

Il progetto Mk-Ultra fu ordinato dal direttore della CIA Allen Dulles il 13 aprile 1953, al fine di contrastare gli studi russi, cinesi e coreani sul cosiddetto controllo mentale (mind control), ovvero sul controllo della psiche delle persone. Questa tecnica poteva portare numerosi vantaggi per gli USA, come ad esempio la creazione di assassini inconsapevoli o il controllo di leader stranieri scomodi (come ad esempio Fidel Castro).

Nel 1964 il progetto fu rinominato MKSEARCH in quanto si stava specializzando nella creazione del cosiddetto siero della verità, sostanza che sarebbe poi stata usata per interrogare esponenti del KGB durante la guerra fredda. Dato che quasi tutti i documenti riguardanti l’MK-ULTRA sono stati distrutti dall’allora direttore della CIA Richard Helms, è praticamente impossibile poter ricostruire tutte le attività svolte nell’ambito di questo progetto.

La stessa agenzia ha successivamente riconosciuto che quei test avevano una debole base scientifica e che gli agenti posti all’esecuzione e controllo degli esperimenti non erano ricercatori qualificati.

I documenti recuperati fanno presupporre, con un sufficiente margine di certezza, che la CIA abbia usato radiazioni e LSD al fine di controllare le menti delle cavie. Le vittime erano dipendenti della CIA, personale militare, agenti governativi, prostitute, pazienti con disturbi mentali e gente comune; il tutto con lo scopo di verificare che tipo di reazione avessero queste persone sotto l’influsso di droghe e altre sostanze.

Tuttavia, la portata dell’MK-ULTRA, non si ferma qui. Vennero sistematicamente utilizzate sedute di elettroshock, torture fisiche/mentali e abusi sessuali su molti soggetti, compresi i bambini come dimostrato dalla foto declassificata di questa giovane vittima di 8 – 10 anni sottoposta a 6 mesi di LSD, elettroshock, privazione sensoriale. Circa ogni 60 minuti la memoria le veniva cancellata ed ora il suo cervello è come quello di un neonato.

Il Dottor Sidney Gottlieb, l’ideatore di tutti gli esperimenti, era solito anche torturare le vittime aggiungendo alla normale dose di droga anche rumori molesti o costringendoli ad ascoltare frasi offensive a ciclo continuo.

Anche se gli obiettivi ammessi dei progetti erano quelli di sviluppare metodi di tortura e interrogatorio da usare contro i nemici del paese, alcuni storici hanno affermato che il progetto mirò a creare il “candidato della Manciuria”, programmato per compiere atti diversi, quali omicidi e altre missioni segrete.

Ufficialmente il programma subì uno stop all’inizio degli anni ’60 a causa dell’inchiesta della Commissione Rockfeller anche se diversi whistle-blowers affermano che il progetto ha assunto un basso profilo e il programma Monarch sia diventato il suo successore “classificato”. L’affermazione più incriminate finora fatta da un funzionario del governo per quanto riguarda la possibile esistenza di un progetto MONARCH venne estratta da Anton Chaitkin, uno scrittore per il Taurillon. Quando venne chiesto direttamente all’ex direttore della CIA William Colby: “Cosa ne pensa del progetto Monarch?”, rispose con rabbia e con ambiguità, “Ci siamo fermati tra la fine del 1960 e i primi anni del 1970”.

Ciò che si suppone è invece che, nonostante gli esiti della commissione d’indagine sul programma MK-ULTRA che di fatto bloccò il progetto alla CIA, lo stesso proseguì sotto altre forme e venne utilizzato da vari gruppi e organizzazioni per vari scopi in maniera ancora più segreta e con obiettivi forse ancora più subdoli e inquietanti. Secondo Fritz Springmeier, questi gruppi sono conosciuti come il “Network” e formano la struttura portante del Nuovo Ordine Mondiale in cui il condizionamento mentale è una delle colonne portanti su cui l’intero progetto si fonda.

Il controllo mentale Monarch è chiamato in questo modo in riferimento alla farfalla Monarca – un insetto che comincia la sua vita come un verme (che rappresenta il potenziale non sviluppato) e, dopo un periodo nel bozzolo (programmazione) rinasce come splendida farfalla (lo schiavo Monarch). Alcune caratteristiche specifiche per la farfalla monarca, sono applicabili anche al controllo mentale.
Ecco come alcuni whistle-blowers parlano del Progetto Monarch.

”Uno dei motivi principali per cui la programmazione Monarch ha assunto questo nome fu la farfalla monarca. La farfalla monarca impara dove è nata (radici) e passa questa conoscenza genetica ai suoi discendenti (di generazione in generazione). Questo è stato uno degli animali che ha fatto tacere gli scienziati, rendendo scientifico il fatto che il sapere possa essere trasmesso geneticamente. Il programma Monarch si basa sugli obiettivi Nazisti/Illuminati di creare una razza superiore, in parte attraverso la genetica. Se la conoscenza può essere trasmessa geneticamente (ed è così), allora è importante che vengano trovati i corretti genitori che possano passare la corretta conoscenza a quelle vittime selezionate per il controllo mentale Monarch“

“Quando una persona sta subendo traumi indotti da elettroshock, è provato che essa subisce una sensazione di leggera vertigine, come se si sentisse sospeso o fluttuante come una farfalla. Vi è anche una rappresentazione simbolica relativa alla trasformazione o alla metamorfosi di questo bell’insetto: da un bruco in un bozzolo (dormienza, inattività), ad una farfalla (nuova creazione), che ritorna al suo punto di origine. Tale è il modello migratorio che rende questa specie unica.”

”La base per il successo della programmazione Monarch è che possono essere create differenti personalità o parti di personalità, che non si conoscono tra loro, ma che possono prendere il controllo del corpo in momenti diversi. Le pareti di amnesia costruite grazie ai traumi, formano uno scudo protettivo di segretezza che protegge i colpevoli dall’essere scoperti, e impedisce alla personalità principale di sapere quando il sistema di cambio personalità è attivo. Lo scudo del segreto permette ai membri del culto di vivere e di lavorare assieme agli altri e di rimanere totalmente inosservati. La personalità dominante potrebbe essere un buonissimo cristiano, ma la personalità che si nasce sotto di essa potrebbe essere più satanica di quella di Mr. Hyde (Guardatevi BTK Bind Torture Kill). Si cerca di fare molto sotto il profilo del mantenimento della segretezza della agenzia di intelligence o del gruppo occulto che sta controllando lo schiavo. Il tasso di successo di questo tipo di programmazione è alto, ma quando fallisce, i fallimenti vengono eliminati attraverso la morte. Ogni trauma e tortura serve a uno scopo. Una grande quantità di sperimentazioni e ricerca furono condotti per sapere cosa poteva essere fatto e cosa no. Vennero elaborati grafici con i dati statistici su quanto si potesse torturare un corpo di un dato peso e di una data età senza che tale individuo morisse.”

I livelli di programmazione Monarch identificano le “funzioni” dello schiavo e prendono il nome dalla elettroencefalografia (EEG) delle onde cerebrali ad essi associate.

Considerata come la programmazione “generale” o regolare, quella ALPHA si situa all’interno delle dinamiche di base del controllo della personalità. E’ caratterizzata da una ritenzione mnemonica estremamente pronunciata, insieme ad un sostanziale incremento della forza fisica e visiva. La programmazione alpha si realizza attraverso la deliberata suddivisione della personalità delle vittime, in sostanza, provoca una divisione sinistra-destra del cervello, consentendo una riunione programmata dell’emisfero sinistro e destro attraverso la stimolazione neuronale.

La BETA rappresenta la programmazione “sessuale” (schiavi sessuali). Questa programmazione elimina le convinzioni morali apprese e stimola l’istinto sessuale primitivo, privo di inibizioni. Alterego “Gatte” possono crearsi a questo livello. Conosciuta come la programmazione Sex-Kitten, è la più visibile delle programmazioni sulle celebrità femminili, sulle modelle, sulle attrici e sulle cantanti che sono state sottoposte a questo tipo di programmazione. Nella cultura popolare, i vestiti con stampe feline spesso denotano la programmazione sex-kitten.

La DELTA è nota come programmazione “killer” ed è stata originariamente sviluppata per l’addestramento degli agenti speciali o dei soldati d’elite (cioè la Delta Force, il First Earth Battalion, il Mossad, ecc) nelle operazioni di infiltrazione. L’ottima risposta adrenalinica e l’aggressività controllata sono evidenti. I soggetti sono privi di paura e sono molto sistematici nello svolgimento delle loro assegnazioni. Istruzioni come il suicidio   sono stratificate in a questo livello.

THETA. Viene considerata una programmazione psichica. I bloodliners (cioè coloro che discendono da famiglie di tradizione satanista) hanno una propensione psichica, sconosciuta a chi non appartiene alle loro casate, utilizzando la telepatia. Tuttavia, dati i limiti intrinseci di questo tipo di controllo mentale vennero introdotti svariati sistemi elettronici, come impianti cerebrali che sfruttano le tecnologie laser ed elettromagnetiche.

Anche se non c’è mai stata alcuna ammissione ufficiale dell’esistenza della programmazione Monarch, eminenti ricercatori hanno documentato l’uso sistematico del trauma in soggetti per scopi di controllo mentale. Alcuni sopravvissuti, con l’aiuto di terapisti dedicati, sono stati in grado di “deprogrammare” se stessi per andare poi a registrare e divulgare i dettagli raccapriccianti delle loro traversie.

Gli schiavi Monarch sono principalmente utilizzati dalle organizzazioni per effettuare operazioni mediante capri espiatori addestrati a svolgere compiti specifici, che non contestino gli ordini, che non ricordino le loro azioni e che, se scoperti, si suicidino automaticamente. Sono il capro espiatorio perfetto per gli omicidi di alto profilo (vedi Sirhan Sirhan), candidate ideali per la prostituzione, la pornografia snuff e la schiavitù sessuale… o peggio, come accade durante riti evocativi stile Bohemian Groove.

E’ difficile rimanere obiettivi descrivendo gli orrori subiti dagli schiavi Monarch. L’estrema violenza, l’abuso sessuale, la tortura mentale e i giochi sadici inflitti alle vittime da “rinomati scienziati” e da funzionari di alto livello dimostrano l’esistenza di un vero e proprio “lato oscuro” del potere. Nonostante le rivelazioni, i documenti e i whistle blowers, la grande maggioranza della popolazione ignora, respinge o evita il problema del tutto nonostante oltre due milioni di americani siano stati programmati dal condizionamento basato sul trauma dal 1947, la CIA abbia pubblicamente ammesso i propri progetti sul controllo mentale nel 1970 e ci siano centinaia di testimonianze sia da parte di vittime come di insider e prove documentali certe.

Siamo dinanzi a una vera e propria “fabbrica di schiavi”, che vede nelle tecniche del Progetto Monarch e nei “programmatori” o “handler” lo strumento principale di produzione di uomini e donne da utilizzare per soddisfare i bisogni sessuali più perversi dei potenti o da impiegare nei ruoli chiave del controllo del Sistema propedeuticamente alla realizzazione del NWO.

Un ex colonnello dell'esercito degli Stati Uniti, appartenente alla "Divisione guerra psicologica della DIA", tale Michael Aquino (in basso a sinistra), è l'ultimo di una serie di presunti sadici sponsorizzati dal governo. Aquino, un genio eccentrico ossessionato dai riti pagani nazisti, fondò il cosidetto "Tempio di Set", un ramo della Chiesa di Satana di Anton LaVey, salito agli onori della ribalta nel recente caso di cronaca nera italiana dell’omicidio di Melania Rea.

Aquino era inoltre collegato con lo scandalo del Presidio Army Base, in cui era accusato di molestie su minori.

Heinrich Mueller (in alto a destra) era un altro importante programmatore nell’ambito del Progetto Monarch. Egli era conosciuto con i nomi in codice di "Dottor Black" o "Gog". Apparentemente aveva 2 figli occupati nel commercio. L'originale "Dottor Black", pare però che sia stato Leo Wheeler nipote del defunto generale Earle G. Wheeler, il quale era il comandante del "Joint Chiefs of Staffs" durante la guerra del Vietnam.

L’omicidio di Melania Rea e la possibile presenza di oscuri e Misteriosi Rituali in una caserma italiana ci fa capire che sarebbe veramente da ingenui considerare il Monarch un problema esclusivamente d’oltreoceano.

In fondo, da Jack lo Squartatore agli inspiegabili delitti di giovani donne o bambini dei giorni nostri, molto poco abbiamo compreso, ostinandoci a non voler comprendere che proprio a fianco a noi esiste un apparato segreto con infiltrazioni in tutti gli ambiti del reale. Questo mondo sotterraneo utilizza, per dialogare e per farsi riconoscere dagli altri affiliati, un linguaggio e categorie di stampo esoterico all’apparenza incomprensibile. Solo all’apparenza.

Mirabile in tal senso il lavoro di indagine e denuncia portato avanti dal magistrato romano Paolo Ferraro sui lati oscuri di certi settori “bene” della società e della politica italiana e sui legami di essa con ambienti massonici. L’intervento del giudice Ferraro si somma alle dichiarazioni di uomini insigni appartenenti al mondo del giornalismo (si pensi a Gianni Lannes) e della scienza (si ricordino le analisi del Dottor Blaylock), e ancora agli approfondimenti reperibili on line ad opera di Paolo Franceschetti e Giuseppe Cosco i quali hanno cercato di collegare alcuni dei casi irrisolti della cronaca nazionale, dal Mostro di Firenze al Delitto di Cogne, dalla strage di Erba all’omicidio di Garlasco e altri ancora, ad ambienti legati al satanismo o alla massoneria o comunque in qualche modo a quei gruppi di potere segreti che maneggiano le tecniche di manipolazione mentale proprie del MK-Ultra e del conseguente Progetto Monarch.

Siamo quindi dinanzi a sacrifici, avvertimenti o punizioni verso coloro che in qualche modo tradiscono o vengono meno alle rigide regole delle società segrete o trattasi esclusivamente di deliri fantascientifici senza nessun supporto concreto?

Giuseppe Cosco nacque a Catanzaro nel 1950. Ricercatore, criminologo, grafologo, occultista, cittadino impegnato nel sociale, è stato uno dei più prolifici ed appassionati truth-seeker italiani della 'vecchia guardia.' Prestò consulenza presso la procura della Repubblica di Catanzaro e diresse le sezioni locali dello IIP (Istituto Indagini Psicologiche) e della SIPS (Società Internazionale della Psicologia della Scrittura). Come si conviene a qualsiasi occultista, il suo lavoro fu oggetto di critiche a causa dello scetticismo sollevato dai suoi studi in tema di cospirazionismo, satanismo, società segrete e fenomeni misteriosi. La sua opera di ricerca e denuncia proseguì fino al 2002, quando a soli 52 anni fu improvvisamente stroncato da un 'malore' fulminante.

In una intervista rilasciata due anni prima di morire alla rivista “Terzo Millennio” alcune delle parole di Cosco risuonano incredibilmente profetiche.

Egli infatti sostenne che la “magia” è più di quanto si creda presente nel nostro mondo moderno. Gli esempi sono tantissimi. Papandreu consultò gli astrologi per scegliere la data delle elezioni in Grecia, lo ha affermato The Economist del 27 aprile 1985. Lo sciamano Zhuge Xihan ha curato Deng Xiaoping. In Israele molti vip della politica, tra questi vi sono Sonia Peres e Lea Rabin, si affidano al cabalista Yitzhak Kaduri.

Si può ben capire che il connubio tra politica e certi “esoterismi”, alcuni dei quali sconfinano in territori inferi, è molto più frequente di quanto si immagini. Alla luce di ciò è oltremodo significativo quanto il ministro inglese Benjamin Disraeli ebbe ad affermare: "Il mondo è governato da tutt’altri personaggi che neppure immaginano coloro il cui occhio non giunge dietro le quinte.

Le motivazioni del suo libro Politica, Magia e Satanismo sono state dettate dalla intenzione di approfondire particolari aspetti di questi inquietanti scenari per far capire alla gente certe complesse e incredibili realtà celate dietro un falso e apparente mondo laico, dominato da economia e tecnica dove (sempre apparentemente) tutto quello che viene chiamato “religione” oppure “magia” non sembra essere rilevante nel guidare la azione politica. E invece non è così.

Vi sono nella società moderna “circoli oligarchici”, ossia gruppi internazionali di potere ristrettissimi, che controllando la produzione industriale e la finanza possono effettivamente condizionare in modo determinante strategie e scelte dei grandi partiti di massa ed orientare l’evoluzione di ideologie o dottrine politiche.

Sulla questione CFR e ONU le rispondo citando Carroll Quigley, professore di Storia di Princeton, di Harvard e cattedratico alla università di Georgetown che nel libro Tragedy and Hope rivela il programma di una potente lobby segreta consistente, tra l’altro, nel: "... creare un sistema internazionale finanziario di controllo per dominare il sistema politico di ogni paese e l’economia del mondo nel suo insieme.

Quigley scrive ancora: "…il CFR ha vigorosamente appoggiato al debutto con tutta la sua potenza economica e finanziaria la costituzione dell’ONU, considerata come una tappa maggiore verso la realizzazione del Governo mondiale…

Molti autori, tra cui l’ex magistrato Carlo Palermo, hanno approfondito questo complesso problema relativo ai torbidi intrecci di interessi che, non di rado, hanno visto uniti mafia, massoneria, integralismo, poteri trasversali nazionali e internazionali.

Palermo nel suo libro Il Quarto Livello ha documentato ampiamente inquietanti intrecci tra massoneria internazionale, oligarchia bancaria, servizi di intelligence, mafie e politici, uniti tutti in un oscuro disegno.  

Questo è il quarto livello su cui indagava anche il giudice Falcone e che avrebbe ispirato la sua stessa morte, quella del collega Borsellino e addirittura, secondo l’ex magistrato, anche gli attentati a Giovanni Paolo II.

Il giornalista Maurizio Blondet, nel corso di una intervista (su Teologica di settembre/ottobre 1996), mi disse: "Certi personaggi praticano strani riti su un’isola vicino a Washington. Sono personaggi di alto livello, si riuniscono, in notti di luna piena, e celebrano dei riti molto particolari. Naturalmente nessuno vuole indagare su questo perché si tratta di gente molto potente. Sono cose che si sussurrano. Allo stesso modo in certi “entourage” politici di alto livello si dice, molto sottovoce, che vengano stuprati dei bambini. Il tutto avviene in un sottofondo rituale di magia nera. Non sono persone comuni che fanno queste cose, si tratta di gente che ricopre altissime cariche, funzionari del Pentagono, etc."

In Inghilterra spariscono, ogni anno, circa centomila giovani. Scotland Yard a Londra deve occuparsi ogni giorno della sparizione di ben 2500 teenager. I più vengono rintracciati, di alcuni non se ne saprà più nulla. Negli Stati Uniti questi orrori sono ancora più frequenti. Gli investigatori, almeno per alcuni di questi casi, puntano il dito sul mondo variegato e misterioso delle sette sataniche.

Che fine fanno queste persone scomparse? Sono vittime di sacrifici e coinvolti in pratiche rituali? Alcune di esse sono sottoposte alle procedure del Monarch per diventare Kitten Slave da utilizzare durante le feste a sfondo sessuale dei potenti? Il caso tutto italiano, un po’ grottesco, di Sara Tommasi in Italia può essere ricondotto a tali pratiche? E dove possiamo collocare lo scandalo pedofilia di Dutroux in Belgio, gli insabbiamenti e i legami mai del tutto chiariti con il quadro istituzionale delle organizzazioni Europee?

Domande inquietanti che lasciano ipotizzare come dietro il NWO possa davvero sussistere un piano “satanico” volto alla realizzazione di un mondo di schiavi utili esclusivamente a soddisfare i bisogni dell’elite, siano essi fisici legati alla sfera sessuale, perversi, militari (supersoldati), o addirittura spirituali/metafisici.

L’articolo di oggi vuole solo essere l’introduzione a un tema dalle molteplici implicazioni, nella speranza che il lettore maturi un senso critico e l’interesse a voler approfondire aspetti non affrontati dai media, forse volutamente, che potrebbero rivelare indicibili segreti su chi realmente ci governa, su quali siano i loro obiettivi più profondi e su quali strumenti oggi consentano alla “fabbrica degli schiavi” di continuare a funzionare.

Josef Mengele fu solo il principio e forse offrì a questa elite di potere a noi sconosciuta, uno degli strumenti più potenti per la realizzazione dei loro turpi progetti. Fu ingenuo pensare che il male potesse essere sconfitto con Norimberga…

http://ufoplanet.ufoforum.it/headlines/articolo_view.asp?ARTICOLO_ID=9905&PG=1

2 commenti:

  1. Mirabile in tal senso il lavoro di indagine e denuncia portato avanti dal magistrato romano Paolo Ferraro sui lati oscuri di certi settori “bene” della società e della politica italiana e sui legami di essa con ambienti massonici deviati ( www.paoloferrarocddgrandediscoverydue.blogspot.it). L’intervento del giudice Ferraro si somma alle dichiarazioni di uomini insigni appartenenti al mondo del giornalismo (si pensi a Gianni Lannes) e della scienza (si ricordino le analisi del Dottor Blaylock), e ancora agli approfondimenti reperibili on line ad opera di Paolo Franceschetti e Giuseppe Cosco i quali hanno cercato di collegare alcuni dei casi irrisolti della cronaca nazionale, dal Mostro di Firenze al Delitto di Cogne, dalla strage di Erba all’omicidio di Garlasco e altri ancora, ad ambienti legati al satanismo o alla massoneria o comunque in qualche modo a quei gruppi di potere segreti che maneggiano le tecniche di manipolazione mentale proprie del MK-Ultra e del conseguente Progetto Monarch.

    RispondiElimina
  2. Se DIO esistesse, non permetterebbe che questo fosse fatto ad altri esseri umani! Io non credo ad una razza eletta! o una superspecie, sono manie di controllo e di grandezza che dovrebbero essere eliminate! questa gente andava si' riformata mentalmente, ma ormai hanno rovinato il pianeta e tutti gli esseri che ci vivono! forse se c'e' Dio ci ha abbandonato!

    RispondiElimina