giovedì 12 luglio 2012

La scomoda verità dei Sumeri

Tratto da http://www.kricio.com/dei-del-cielo-e-della-terra.html


Verrà un giorno che l'uomo si sveglierà dall'oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo... L'uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo (Giordano Bruno)

Nelle sezioni precedenti abbiamo analizzato in maniera generale chi fossero i sumeri, cosa raccontassero nelle loro epiche più famose, quanto antiche fossero le loro fonti, quante conoscenze essi possedessero su argomenti che solo oggi ,in parte, riusciamo a comprendere! Abbiamo analizzato storie così antiche che ancora oggi riecheggiano nelle pseudo-religioni contemporanee.

I testi trattati in precedenza, tradotti da diversi importanti personaggi come Kramer, Pettinato e Sitchin, ci hanno raccontato opere affascinanti come l'atra hasis, che includeva una creazione di un adam ed un diluvio e l'enuma elis, che rappresentava una perfetta cosmogonia del sistema solare. A mio avviso queste tradu-interpretazioni sono importantissime in primo luogo perchè ci aprono a nuove possibili spiegazioni di racconti, che francamente, lasciavano un pò interdetti, come i racconti biblici ed in secondo luogo erano storie decisamente più antiche e quindi considerabili "originali", che nel corso dei secoli si trasformarono nei libri religiosi attuali. I racconti biblici avevano degli illustri predecessori e seppur le storie centrali fossero per lo più invariate, gli attori principali e le cause che scatenavano gli eventi erano completamente diversi.

Negli ultimi tempi vanno molto di moda le interpretazioni letterali di questi racconti epici. Da un lato Sitchin con un'interpretazione affascinante dei racconti epici sumeri e dall'altra Biglino con le sue traduzioni letterali di bibbia ed antico testamento. Che sia chiaro da subito, non ho assolutamente nulla contro queste persone, anzi con il loro duro lavoro, hanno permesso che l'interesse verso queste opere, si rinnovasse. Però a conti fatti, seppur affascinanti, siamo stati ancora una volta sedotti dal materialismo determinista che assilla la nostra società contemporanea. L'idea di angeli, demoni, dio e dèi vari che scorrazzano di qui e di là, per terra e per cielo, che parlano con noi, ci suggeriscono cosa fare e non fare, per me non sta in piedi!

Dapprima l'errore di tradurre la bibbia personificando il dio barbuto e poi ricadere nella tentazione di voler, a tutti i costi, materializzare personaggi come enki ed enlil, come ha fatto Sitchin o i malakim come ha fatto Biglino. Non vi pare di prenderci un pò in giro da soli? E' risaputo oramai, credo, che questi incredibili popoli dell'antichità non erano per nulla degli sprovveduti, degli ignoranti ma erano in realtà delle civiltà molto evolute che tramandavano il loro Sapere e la loro Conoscenza raccontando episodi dalla lettura simbolica per far sì che noi ne comprendessimo il vero significato.

Pensiamo veramente che gli Egizi, i Maya, i Sumeri fossero così arretrati? Che il loro sapere appartenesse solo ai post-diluviani? Che la loro conoscenza provenisse da qualche alieno venuto sulla terra materialmente a prendersi un caffè? Potrebbero invece far parte di quel messaggio esoterico che accomuna tutta l'umanità da oriente ad occidente? L'essere umano potrebbe essere molto antico? Come dimostrano empiricamente tutti gli oopart sparsi sul pianeta e la conoscenza che tramanda da migliaia di anni potrebbe avere un valore molto più profondo di quanto si possa credere? Un Sapere che ci tocca nell'intimo e che rappresenta l'essere umano nella totalità della sua essenza e non solo in questo breve passaggio terreno! Questa è soltanto una mia opinione personale e spero che così come abbiate accettato con mente e cuore liberi da pregiudizi le versioni letterali degli autori nominati in precedenza, vogliate approfondire con me una lettura in chiave simbolica dei miti sumeri.

CHI ERANO GLI DEI DEL CIELO E DELLA TERRA

E' ormai certo che le "parole antiche" che per migliaia di anni costituirono la lingua della cultura e degli scritti religiosi altro non erano, in realtà, che la lingua di shumer. E non vi è dubbio che gli antichi dèi fossero proprio i dèi sumeri. Non sono state mai trovate, infatti, testimonianze, tradizioni o genealogie più antiche di quelle riguardanti gli dèi sumeri. Dai veda agli Egizi passando per Greci e romani tutto aveva un'origine a shumer!

O comunque la conoscenza era la medesima! A prima vista sembrano centinaia ma alla fine se proviamo a classificarli, diminuiscono notevolmente. Al vertice vi era un pantheon di grandi dèi, tutti imparentati l'uno con l'altro che detenevano il potere. Credevano anzitutto in divinità dei cieli come Apsu-Tiamat-Anshar-Kinshar che esistevano prima che le cose fossero create e che non erano mai apparse sulla terra. Guardandoli più da vicino risulta chiaro che questi dèi corrispondessero ai corpi celesti che formano il nostro sistema solare ed i cosiddetti miti che li riguardano sono in realtà concetti cosmologici ben precisi che riguardano la creazione e la formazione del nostro sistema solare. Vi erano poi divinità definite "dèi del cielo e della terra", i cosiddetti antichi dèi! A differenza dei dèi del cielo, questi ultimi, erano scesi dal cielo sulla terra. Questi dèi erano potenti e le loro imprese andavano ben al di là della comprensione umana. Eppure questi dèi non solo avevano un aspetto umano, ma mangiavano e bevevano come gli uomini e provavano tutta la gamma di sentimenti umani, dall'amore all'odio, dalla fedeltà al tradimento. Nel corso dei millenni ruoli e posizioni andarono modificandosi ma alcuni di essi non abbandonarono mai un posto di preminenza. Erano una sorta di famiglia divina, strettamente legata ma anche aspramente divisa.

ANU-RA-KASHYAPA

Il capo di questa famiglia di déi del cielo e della terra si chiamava AN (o ANU nei testi assiro-babilonesi). Egli era il grande padre degli dèi , il loro re; il suo dominio era l'immensa distesa dei cieli e il suo simbolo era una stella. Nella scrittura pittografica sumerica, la stella, oltre ad indicare AN, significava anche "cieli","entità divina" o "dio" (derivato di AN). Questi quattro significati del termine rimasero invariati attraverso i secoli...



I TRE FIGLI DI ANU

EnLil


EnKi











NinHurSag















Rappresentavano questi dèi con le ali, non perchè erano alieni volanti, ma perchè mettevano le ali ad ogni corpo celeste che vagava lì su in cielo, nello spazio aperto....
I sumeri quindi parlavano di dèi del cielo come Tiamat, volendo rappresentare una sofisticata cosmogonia, che è racchiusa nel racconto epico dell'enuma elis. Ma come risulta chiaro dalle iconografie che vi ho mostrato anche questi 4 dèi (i più importanti, quelli degni di nota) erano a rappresentare i pianeti che più ci interessano da vicino. Con l'unica differenza che questi scendevano sulla terra. Infatti ENKI viene sempre raffigurato con una luna e con l'acqua poichè, ovviamente, come tutti sappiamo, il nostro satellite influenza le maree e quindi le acque. ANU è chiaramente il sole, tra l'altro il suo simbolo è una stella e NINHURSAG è il pianeta Terra, colei che permette la vita, che genera la vita. Ed ENLIL? Sitchin lo vede raffigurare  la Terra poichè in una tavoletta la sua immagine è accanto a 7 pallini, che come ben sapete, lo scrittore russo suppone essere proprio il pianeta terra, secondo quest'ultimo, i sumeri contavano i pianeti dall'esterno del sistema solare all' interno. Questa interpretazione ENLIL=TERRA, non mi convince e non è certo un aspetto di poco conto, comunque andiamo per gradi:


I 4 MAGGIORI DEI SUMERI

In tantissime raffigurazioni dell'antichità venivano rappresentati appunto questi 4 simboli.

LA LUNA OVVERO EN.KI
NIBIRU IL PIANETA DEL PASSAGGIO
IL SOLE OVVERO ANU
LA TERRA OVVERO NIN.HUR.SAG

In pratica i sumeri davano un nome ad ogni corpo celeste, purchè avesse delle caratteristiche ben precise, che fossero costellazioni o pianeti. Per loro questi corpi dell'universo avevano un potere enorme ed influenzavano sia la nostra Terra, che noi stessi in maniera decisiva.

Ovviamente alcuni corpi avevano un peso maggiore di altri. Oggi sappiamo con certezza che stelle e pianeti esercitano delle forze, come l'attrazione gravitazionale, ad esempio, che determina la "rotta" dei "vagabondi" (lu.bad). Per la scienza contemporanea, il sole permette la vita e la luna influisce sulle maree. Il loro potere si esaurisce qui? No di certo. Da sempre l’uomo, per garantirsi la sopravvivenza, è vissuto in costante armonia con i molteplici ritmi della luna; molti monumenti significativi dell’antichità dimostrano quanta importanza gli antichi attribuissero all’osservazione e all’influenza degli astri e della luna.

Darwin, nella sua “Origine dell’uomo”, dice: l’uomo, come le belve e persino gli uccelli, è soggetto a quella misteriosa legge per la quale certi processi normali quali la gravidanza, la crescita delle piante, la maturazione dei frutti, e il decorso delle malattie, dipendono dai periodi lunari.I nostri antenati avevano infatti scoperto che:- molti fenomeni della natura (maree, nascite, ciclo mestruale, …) sono in relazione col corso lunare- molti animali si regolano con la posizione della luna: ad es., gli uccelli raccolgono il materiale per i loro nidi solo in certi periodi, perché i nidi si asciughino più in fretta dopo la pioggia.la luce lunare sembra in grado di provocare certi movimenti (tropismi) in certe specie vegetali.  Inoltre, alcuni organismi marini sembrano avere un comportamento riproduttivo influenzato dalla luce lunare. Quando la luna è fra terra e sole, noi non la vediamo: ci mostra la sua faccia scura. E’ luna nuova.

Poi la parte luminosa compare e aumenta (luna crescente) fino ad arrivare alla luna piena. Poi decresce (luna calante) fino a tornare alla fase di luna nuova.A ogni fase della luna corrisponde nella natura un diverso stato energetico.Così come la luna ha 4 fasi nell’arco del mese, anche il ciclo femminile presenta 4 fasi:ciclo mestruale, pre-ovulazione, ovulazione, fase pre-mestruale.

Diversi studi sulle tradizioni dei popoli evidenziano che il mestruo tende a manifestarsi sempre verso una fase lunare precisa: luna piena o luna nuova. In più Con un meccanismo analogo a quello che fa muovere l’acqua degli oceani, anche le masse gassose dell’atmosfera possono spostarsi determinando le cosiddette maree atmosferiche.  Tali maree possono determinare piccole differenze di pressione. Oltre alle maree atmosferiche sono state accertate le cosiddette maree terrestri.  Il globo terrestre presenta nel suo insieme una certa elasticità (comparabile a quella dell’acciaio).  Di conseguenza, sottoposto a tensioni originate dallo stesso meccanismo che origina le maree oceaniche e atmosferiche, può subire piccole deformazioni. Sebbene quindi questi fenomeni "sembrino" essere solo di natura meccanica, sono del tutto reali e sono l'indiscutibile prova materiale che esistono delle "Forze", ben note dagli antichi e non solo, che determinano processi che ci interessano molto da vicino.

Il nostro DNA è un'antenna biologica che risponde in manifestazioni materiali, a ciò che accade, al suo esterno, a livello vibratorio. Questo avviene per ogni cellula di organismi viventi, le quali non hanno occhi e orecchie per poter sapere con esattezza quando sia il momento di "agire", ma hanno tutte le capacità di "leggere" le "Forze circostanti" , compreso le nostre cellule! (Se volete approfondire nella sezione Biologia Delle Credenze troverete argomenti di sicuro interesse come l'Epigenetica).

Come diceva Giordano Bruno la Natura tutta segue un ordine universale e non c'è da meravigliarsi se il numero dei respiri in una giornata sia 25920, proprio lo stesso tempo in cui si svolge e conclude un'era astronomica (anno platonico=25920 anni), o se il nostro cervello istaura range di frequenze strettamente legate alla risonanza di Schumann del pianeta Terra.

Dobbiamo accettare l'idea che la materia sia solo una faccia di ciò che E' e di ciò che Esiste, sia solo una manifestazione ultima. Ci sono forze molto potenti, di cui facciamo fatica ad ammetterne l'esistenza, poichè siamo fortemente condizionati dalla nostra società determinista e materialista. Gli antichi e le conoscenze esoteriche, ci indicano invece che questi corpi celesti e, non solo i più vicini a noi, influenzano tutto ciò che esiste su questo pianeta in maniera importante. Tutti sappiamo che esiste altro oltre la terza dimensione in cui è relegata la materia.

Al di là delle scoperte della fisica moderna che confermano empiricamente questi dati, basterebbe riflettere sul fatto che 1\3 della nostra vita, ovvero quando dormiamo, non siamo presenti come lo è invece il nostro corpo, su quel letto. Non prendiamoci in giro, è chiaro che non sono solo dei banali viaggi della nostra mente. Nel nostro intimo sappiamo che non è così! Quindi oltre le forze che conosciamo perchè i sumeri ci raccontavano queste vicende di pianeti? Stiamo tralasciando qualcosa di importante? Oltre la luna ed il sole può esistere qualcos'altro che agisce nelle "tenebre" e se si, che influenza ha su di noi? Quando i sumeri parlavano di nibiru o di enlil a chi si riferivano?

3 commenti:

  1. Credo che la chiesa sappia di queste cose,che noi esseri umani siamo divini,che possiamo crearci il nostro futuro con il pensiero.Vuole nasconderci questo potere per renderci suoi schiavi.

    RispondiElimina
  2. Ne sono fermamente convinto anche io amico mio. Anche se dovremmo fare dei distinguo tra chi vuole nasconderci segreti per renderci schiavi come giustamente sottolinei tu e chi preferisce farlo soltanto perché ha paura che una umanità non ancora sufficientemente matura possa utilizzarli a proprio danno. La capacità autodistruttiva dell'uomo è stata ampiamente dimostrata anche nel nostro recente passsato.

    RispondiElimina
  3. Appunto gli dèi dei sumeri sono sole Luna ecc...se un Dio non c'è e quindi la chiesa si sbaglia...l'uomo chi l'ha creato ? Visto che perfino la scienza ammette ora che non proveniamo da scimmie ? xD

    RispondiElimina

Ti potrebbero interessare anche...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...